divorzio



|

4/9/2020

Corte di cassazione – Ordinanza 4 settembre 2020 n. 18522


Per chiedere la riforma dell’assegno di divorzio il coniuge obbligato deve allegare “fatti sopravvenuti alla sentenza divorzile”. Non è dunque sufficiente la generica doglianza di dover corrispondere una sorta di “vitalizio” ad una persona comunque abile al lavoro, né il fatto di aver costituito una nuova famiglia, se non è una novità. Lo ha ribadito la Corte di cassazione

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto o Banca Dati Diritto24 .
Se sei già abbonato effettua l’accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?


Attivazione

Permalink

Source link

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!